Come fotografare la vita con felice malinconia

La fotografia. La fotografia ormai appartiene a tutti; anzi, se vogliamo rendere meno poetico il concetto, sarebbe più consono affermare che tutti, oramai, pensano di essere fotografi. Ci si può chiedere se questo sia un bene o un male, oppure si può scattare immagini della propria vita con una certa tecnica e comunicare in tutta semplicità, come sta facendo Arianna. Malinconica e felice.

Scattata da qualche parte in Friuli. Questa credo sia la mia fotografia preferita. Quando la guardo mi sento come paralizzata, impotente, inerme di fronte all’immenso mondo.

indifeso
INDIFESO

Qui mi trovavo in Abruzzo per uno scavo archeologico. Ogni mattina la natura mi regalava questo spettacolo. Svegliarsi presto non è mai stato così piacevole!

risveglio a pizzoli
RISVEGLIO A PIZZOLI

Scattata nella campagna salentina. Come dice il titolo, quiete e relax sotto agli ulivi. Quando guardo questa fotografia mi pare di tornare lì, tra gli uccellini e le cicale.

quiete
QUIETE

Qualche anno fa ho piantato dei semi di fiordaliso e ho aspettato settimane e settimane per fotografare questi bellissimi fiori. Ecco, questo è il risultato. Non è la fotografia di un fiore, ma quella di un figlio.

fiordaliso
FIORDALISO
La solitudine in fotografia, ma non in senso tragico. E’ piuttosto ​​​​​​​​​​
una scelta, la decisione dell’eremita di emarginarsi. Un allontanamento volontario e cosciente.
silenzio.jpg
É SOLO IL SILENZIO CHE TI ASCOLTA

Stavo camminando verso la Torre del Serpe, poco distante da Otranto. Seguivo una stradina polverosa, in balia del vento, quando mi sono girata e ho visto questo. Nonostante siano passati mesi e mesi da quando ho scattato questa fotografia, non riesco ancora a capire quali sentimenti susciti in me.

untiteled.jpg
UNTITLED

Viaso, paesino della Carnia, praticamente la culla dei miei ricordi d’infanzia. Infanzia che ormai è lontana.

la strada nel bosco.jpg
LA STRADA NEL BOSCO

Come dice Marge Simpson, “forse alla fine niente è bello come nei ricordi”. Ed ecco di nuovo quel velo di malinconia che spesso aleggia nei miei scatti

PH©ARIANNA DURAZZANO: Arianna, dopo un’istruzione di stampo fotografico/filmico, attualmente si dedica allo studio dell’archeologia presso l’Università di Padova. Le piacciono la malinconia, Alberto Angela e i gatti. Aspirante casalinga anni ’50. Arianna Durazzano

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...